Scuola: Finlandia Italia 3-0? Vediamo…

home_gallery_collaborative
Aula scolastica finlandese
foto2_aragona12feb2010_scuolamediafontesepiscopi_auladivisa2
Aula scolastica italiana

 

Da un po’ di tempo si polemizza sulla didattica italiana e la si confronta col modello finlandese, che pare essere uno dei migliori al mondo per risultati culturali.

Alcuni dei punti forti di tale polemica, ultimamente, pare siano quello dei compiti assegnati a casa, quello dell’abbandono scolastico ed infine dell’aumento del divario tra le classi sociali. Ho letto attacchi di ogni tipo e recriminazioni su quanto siano scarsi e poco competitivi i risultati della scuola italiana rispetto ad altri modelli. Si pongono in evidenza, però, tutti i punti deboli del nostro sistema educativo in maniera acritica e strumentale. Vediamo, dunque, step-by-step le varie differenze tra il sistema italiano e quello finlandese e cerchiamo di trarne le dovute valutazioni…

Finlandia                                                                                

  • Ore settimanali di compiti a casa: 3
  • Scarsa disparità di competenze tra studenti
  • Non aumenta il divario sociale tra studenti
  • Abbandono scolastico: 0,3%

Italia

  •  Ore settimanali di compiti a casa: 7
  • Disparità di competenze tra studenti
  • Aumenta il divario sociale tra studenti
  •  Abbandono scolastico: 15%

Questi solo alcuni dei punti in discussione, in quanto l’elenco potrebbe essere molto più lungo. Andiamo ad analizzare, allora, le differenze tra i due sistemi scolastici in questione, cercando di valutare criticamente i dati.

  1. Il sistema scolastico finlandese si confronta con una popolazione di 5 milioni di abitanti mentre quello italiano si confronta con una popolazione di 60 milioni di abitanti, con maggiori differenze socio-economiche ed una forte presenza di immigrati che comporta determinanti differenze culturali, che la Finlandia non ha;
  2. Le scuole finlandesi godono di strutture innovative, laboratori e materiale mentre le scuole italiane sono troppo spesso fatiscenti, ospitate in edifici non creati allo scopo e inadatti a tale uso;
  3. Libri, materiale didattico ed occorrente sono forniti agli studenti, gratuitamente, dalla scuola finlandese mentre in Italia, troppo spesso, non ci sono i soldi nemmeno per l’acquisto della carta igienica e gli studenti e le loro famiglie devono provvedere a fornire il materiale didattico necessario ai propri figli;
  4. In Finlandia gli studenti restano a scuola mediamente 8 ore al giorno, con mensa gratuita, e possono svolgere tutte le attività didattiche all’interno della scuola, invece in Italia gli studenti restano a scuola mediamente 6 ore al giorno, senza mensa, mentre chi fa il tempo prolungato deve pagare per mangiare a scuola;
  5. Le classi, in Finlandia, non possono superare il numero di 18 studenti, mentre in Italia ancora troppo spesso si raggiunge il numero di 26/30 alunni per classe;
  6. In Finlandia ai docenti sono garantiti uffici all’interno delle strutture scolastiche, attrezzati con computer ed altro, le ore di lavoro sono fisse, comprendono anche le attività di formazione e non prevedono, come in Italia, lavoro extra non retribuito e non quantificabile da aggiungere alle ore impiegate per lo svolgimento delle attività didattiche, per riunioni, ricerche da svolgere a casa, correzione dei compiti, formazione obbligatoria non retribuita ecc.;
  7. La Finlandia investe economicamente molto per le risorse umane e la formazione scolastica mentre l’Italia legifera imponendo standard difficilmente raggiungibili ma abbandona le scuole ed i docenti a sé stessi quando si tratta di “mettere mano alla tasca”;
  8. Lo stipendio medio del docente finlandese è superiore a quello del docente italiano ed il prestigio e la considerazione del lavoro sono di gran lunga superiori a quello dei nostri docenti;
  9. Gli allievi delle scuole finlandesi hanno rispetto per i propri docenti, perché anche le loro famiglie rispettano il lavoro degli insegnanti, gli allievi italiani invece usano spesso il turpiloquio, ignorano deliberatamente i propri docenti e talvolta vengono alle mani in classe, perché le famiglie per prime svalutano il lavoro degli insegnanti;
  10. Per concludere, mentre in Finlandia, come si è detto, i docenti godono di uno status sociale molto elevato, il governo italiano in primis non fa che criticare i propri docenti, svalutandoli agli occhi dell’opinione pubblica, comportandosi proprio come quei “cattivi docenti” di cui tanto parla che, invece di aiutare i propri alunni a crescere rafforzando l’autostima e, di conseguenza, la voglia di fare sempre di più e sempre meglio, non fa che bacchettarli ed umiliarli pubblicamente, autorizzando in tal modo le famiglie a sostituirsi troppo spesso agli insegnanti, entrando nel merito delle metodologie didattiche intraprese, generando nei propri docenti frustrazione, depressione e sindrome da burnout che, certamente, non giovano alla produttività ed alla qualità dell’insegnamento.

Un’ultima considerazione da fare è che, con le nuove normative italiane, si sta introducendo una sorta di divieto alla bocciatura, per cui gli studenti sono autorizzati a non studiare, a non seguire le lezioni, a litigare tra di loro in classe e fuori, a non avere disciplina né rispetto per alcun tipo di regola. I docenti sono completamente esautorati ed abbandonati a sé stessi ed il loro lavoro è reso vano da queste nuove regole: se si interviene troppo spesso sulla disciplina si deve bocciare ma, poiché non si può più bocciare, non si può intervenire, così i ragazzi italiani, diseducati già dalle loro famiglie, possono arrivare a fare qualsiasi cosa in classe, senza che i docenti possano intervenire più di tanto, pena interventi delle famiglie e rischio di sanzioni disciplinari; ma se gli studenti troppo vivaci si fanno male a scuola, perché davvero maleducati, il docente è ritenuto responsabile e ne deve pagare le conseguenze civili, penali e disciplinari. Le famiglie sono diventate incapaci di educare i propri figli e pretendono che lo facciano i docenti ma, poi, li tacciano di eccessiva severità nei confronti dei propri “angioletti” e di essere incapaci ed incompetenti.

Insomma, pare che siano tutti bravi ad evidenziare quanto deprecabile sia il sistema didattico-educativo italiano rispetto a quello degli altri paesi, senza minimamente far notare quanto sia difficile insegnare in questo Paese, o quanto poco faccia l’Italia per il proprio sistema scolastico, non erogando fondi e pretendendo, tra l’altro, che i propri insegnanti dimentichino di avere anche una famiglia! Nelle condizioni in cui sono costretti a lavorare, i docenti italiani fanno anche troppo… Chapeau!

Per maggiori approfondimenti:

scuola-finlandese

La scuola italiana e la scuola finlandese: due sistemi a confronto

Compiti a casa: a Shanghai 14 ore a settimana, in Italia 7, in Finlandia 3. Servono?

Annunci

2 thoughts on “Scuola: Finlandia Italia 3-0? Vediamo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...