Piccole conquiste da supereroina

_20141206_165134

Chi di voi si ricorda di Nonna Abelarda, l’arzilla vecchietta che campeggiava sulle copertine di tutti i nostri quaderni di scuola, insieme al nipote Soldino, quella che è stata soppiantata dalle Winx, Violetta e i Power Rangers, più forte di Braccio di Ferro e più astuta di Topolino? Ebbene, oggi mi sono sentita proprio  come lei! Per quale ragione? Semplice: sono riuscita a farmi la doccia da sola!!! “Ah, beh… Quest’è tutto? Chissà che credevo…” direte voi. E lo avrei detto anch’io, fino a due settimane fa. Ma da quando ci ho sta cavolo di gamba ingessata e non devo poggiarla a terra, mi sento come la versione femminile di Pietro Gambadilegno e le mie prospettive sono cambiate un po’. Come scavalcare il bordo del piatto doccia? Con un saltello? Con una sorta di salto con l’asta usando le stampelle? E se scivolavo e mi trovavo a fare un doppio carpiato con avvitamento a destra? Facevo fuori anche l’altra gamba? L’idea era poco allettante… Ebbene, ho agito così: dopo aver sigillato la gamba ingessata in una busta di plastica chiusa con lo scotch da imballaggio a mò di strenna natalizia ed aver appeso l’accappatoio accanto alla doccia, ho messo lo sgabello di plastica (regalatomi all’uopo) sul piatto doccia; il tutto saltellando per il bagno sempre su una sola gamba, sentendomi come un pupazzo a molla, magari di quelli che certuni mettono sulla cappelliera della loro auto e che fanno “sì sì” con la testa. Quindi, coi piedi ancora fuori dal piatto doccia, mi sono seduta ed ho lasciato andare le stampelle contro il lavandino, pregando che non finissero a terra in zona non raggiungibile. Bene: primo step andato! Ergo ho infilato i piedi dentro, chiuso l’anta e fatto ciò che dovevo fare da seduta. Ah! Che piacere!!! L’acqua calda che veniva giù a ritemprare le membra intorpidite… Ma il difficile doveva ancora arrivare: uscire incolume… Chiusa l’acqua, mi sono alzata su un piede solo, sudando e perdendo, quindi, tutti i benèfici effetti della doccia appena fatta, ben attenta a stare col piede sano sul tappetino antiscivolo, appoggiandomi con una mano al muro bagnato e cercando di tenerla a ventosa, sperando nell’effetto ramarro. Aperta l’anta, ho preso l’accappatoio e l’ho infilato. Indi mi sono seduta di nuovo. Uff!… Sospiro di sollievo! Anche il secondo step era andato…  Ho messo, quindi, i piedi fuori, sul tappeto, e mi sono sporta ad afferrare le stampelle, sempre pregando che non si ribaltasse lo sgabello sul piatto doccia bagnato.  Provate a immaginare: sedere dentro, “in punta” allo sgabello, piedi fuori sul tappeto, busto proteso in avanti, mano delicatamente poggiata al box doccia sperando di non abbatterlo cadendo ed altra mano tesa ad afferrare le stampelle… Che spettacolo indecoroso! Quando… et voilà! Ce l’avevo fatta!!! Come una novella Nonna Abelarda ero riuscita in un’impresa titanica! Mi sono alzata trionfante sollevando le stampelle al cielo a mò di coppa! Le luci della ribalta tutte per me!!! Vittoria!!!!

Beh, teatralità a parte, le cose si sono svolte esattamente così ed io mi sono sentita soddisfatta.

Ecco come anche una piccola cosa ti può allietare la giornata e farti sentire una supereroina 😄

Annunci

2 thoughts on “Piccole conquiste da supereroina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...